Villa Borzillo sorge in un'area dell'antica cittā di Larinum in prossimitā delle rovine dell'anfiteatro romano. Il fabbricato originario, come si evince da un'iscrizione sulla facciata, viene edificato da un'antica casata larinate, i de Pauluzzi, allo scopo di sfuggire, in aperta campagna, al contagio delle peste del 1659. Successivamente, estinta la famiglia de Pauluzzi nella prima metā del secolo XVIII, la villa perviene, per successione femminile, ai Borzillo. Di origine Napoletana, i Borzillo annoverano il pittore Francesco Antonio (+1712) autore di opere sparse in Abruzzo e nel Molise, il medico Alessandro (1723 - 1796) ed un giureconsulto Pier Luigi (1749 - 1808) che, morendo improle, chiude la discendenza maschile della famiglia. Si devono ai Borzillo i lavori settecenteschi di ampliamento dell'edificio e delle pertinenze, la sistemazione del giardino e del parco nonchč l'edificazione della cappella di San Michele Arcangelo che darā il nome alla contrada. Artefice principale di questi interventi che si svolgono sopratutto tra il 1768 ed il 1769 č il canonico don Gaspare Borzillo (1721 - 1782). Nel corso dell'Ottocento, sempre per successione femminile, la villa diventa proprietā della famiglia Ricci che tuttora la possiede.
Potete vedere una presentazione in DVD
P.I. 01529400705 | Powered by Molise Affari